Il viaggio è una porta attraverso la quale si esce dalla realtà nota e si entra in un’altra realtà inesplorata, che somiglia al sogno.
(Guy de Maupassant)

Viaggiare è un’esperienza che apre la mente e oggi abbiamo la fortuna di potere conoscere la cultura e le tradizioni di interi Continenti spostandoci da casa di pochissimo o non spostandoci affatto!

Fantastici documentari ci restituiscono le immagini di paesaggi o di cerimonie tradizionali mentre i festival – da quelli dei Paesi dell’Oriente a quelli del Sudamerica – ci fanno godere dei sapori, degli odori e dei prodotti di Paesi lontani.


Sia che si visiti un Paese viaggiando, sia che lo si visiti perché il Paese si è “trasferito” da noi, la tentazione di portare a casa souvenir è sempre forte e spesso i ricordi sono rappresentati da piante o parti di piante (come semi, tronchetti, rizomi, tuberi…).

Purtroppo questa consuetudine può rappresentare un elemento di disturbo per la vegetazione del territorio in cui viviamo. Piante provenienti da altri Paesi – le così dette specie aliene – possono adattarsi al nuovo ambiente e svilupparsi al punto tale da soppiantare le specie vegetali locali invadendo ampie porzioni di territorio.

Se non sapete resistere alla tentazione di portare a casa “souvenir vegetali”, seguite almeno questi semplici suggerimenti:

  • Seminate o trapiantate i “souvenir vegetali” in vaso e mai in piena terra: ciò impedirà alle piante dotate di rizomi di allargare la propria zona di insediamento.

  • Tenete i vasi dei “souvenir vegetali” il più possibile lontani dai terreni liberi e dai corsi d’acqua per evitare che semi e frutti – che volano e galleggiano – possano raggiungere terreni da colonizzare.


  • Eliminate le infiorescenze prima della produzione dei frutti: per evitare la diffusione incontrollata dei “souvenir” è importante impedire che essi producano semi. Se la pianta fruttifica è necessario distruggere i frutti.


  • Sono avanzati dei “souvenir”? Vanno eliminati con i rifiuti indifferenziati, che verranno distrutti. Per precauzione è meglio non avviare a compostaggio materiale vegetale di cui non si conoscono le potenzialità invasive.


  • Eliminate i resti delle piante con attenzione. I resti delle piante nate dai “souvenir” non vanno mai gettati nell’ambiente naturale o nelle acque. Non vanno neppure avviati a compostaggio. Vanno eliminati con i rifiuti indifferenziati, che verranno distrutti.


  • Eliminate il terriccio dei vasi in cui sono cresciuti i “souvenir”: usate il sacco dei rifiuti indifferenziati. Questa precauzione è necessaria per evitare di disperdere frammenti vitali o semi intrappolati nel terriccio.


Se pensate di regalare uno dei vostri “souvenir vegetali” ad un amico,
regalategli anche i suggerimenti per coltivare le specie aliene tutelando la biodiversità!